Vaticano

Non si processa chi fa informazione #NoInquisizione

novembre 21st, 2015
Non si processa chi fa informazione. No inquisizione!

Il Vaticano ha deciso di rinviarmi a giudizio e di sottopormi a processo.
Il tutto per aver pubblicato un libro “Via Crucis” in cui rivelo molte cose scomode che riguardano la gestione del Vaticano. Non si tratta di illazioni, ma il tutto è supportato da documenti autentici. Proprio per questo verrò processato. Anzichè punire i colpevoli dei misfatti vaticani, la Santa Sede ha deciso di colpire me e Emiliano Fittipaldi.
In Vaticano l’articolo 21 della Costituzione non esiste. Il giornalista non è tutelato. Per questo martedì non mi sono neppure presentato in Vaticano come richiesto dal PM. Io sono orgoglioso del mio libro e del mio lavoro che rivendico e difendo.
Sembra che a nessuno interessi che ritorni una pericolosa “Nuova Inquisizione“.
So che in tanti sostenete il mio operato e la mia inchiesta. Vi chiedo aiuto in questo momento.
Se avete letto Via Crucis, scattatevi una foto con il libro e pubblicatela su Twitter con l’hashtag #NoInquisizione.
Non è un gesto che è importante solo per me, ma per rivendicare il diritto di tutti a essere informati e di fare informazione. La gravità di questo episodio non va sottovalutata. Grazie a tutti coloro che parteciperanno a questa battaglia. #NOINQUISIZIONE!

Leggi tutti i tweet:

TAGS
POST CORRELATI
8 Commenti
  1. Rispondi

    adele

    21 novembre 2015

    Siamo con te Gianluigi

  2. Rispondi

    patrizia dioguardi

    21 novembre 2015

    Bravo nuzxi che hai il coraggio dibrivelsre la verita-..sei un grande eroe

  3. Rispondi

    emilio de cesare

    21 novembre 2015

    s’è svegliato il tribunale d’inquisizione.ricordatevi che non siamo nel medio evo.la libertà di stampa è democrazia e voi volete nascondere le crocifissioni giornaliere che fate al Cristo su cui è fondata la sua chiesa.Cristo è verità e quindi le verità bisogna annunciarle e non nasconderle.No all’inquisizione mediovale della falsa cristianità.

  4. Rispondi

    Mario Strano

    21 novembre 2015

    Non ho Twitter, o se c’è non l’ho mai usato, e non vorrei usarlo perchè mi “angoscia” la limitazione dei 140 caratteri…Però testimonio che il libro l’ho comprato,ho cominciato a leggerlo, essendo il sottoscritto, da sempre, un figlio fedele della Chiesa Cattolica…Potrei pubblicare la mia foto col libro sulla mia pagina FB, ma penso sia più che sufficiente questa mia dichiarazione pubblica…….

  5. Rispondi

    vicente

    22 novembre 2015

    vorrei conoscere quello che hai scritto su “via crucis”, poi condivido! Auguri

  6. Rispondi

    Ezio Ghidini Citro

    22 novembre 2015

    Uno stato straniero quale è il Vaticano, non può processare un cittadino di un altro stato. La pubblica informazione è un diritto sancito dalla nostra Costituzione Italiana. Processassero i preti pedofili, i cardinali con gli appartamenti e chi fa le orgie. Ma ha chi si aspetta ad annullare i Patti Lateranenzi ? ( grande errore di Mussolini) . Cosi la gente si allontana da questa chiesa corrotta !

  7. Rispondi

    giorgio

    22 novembre 2015

    Non si processa chi dice la verità provata . Pensino a processare i loro falsi cristiani e pedofili

  8. Rispondi

    Carmelo

    22 novembre 2015

    Il vaticano, anziché continuare ancora con l’oscurantismo e col voler nascondere le Magagne, farebbe bene a fare Pulizia, anche se equivale all’ autoannullamento perché sono tutti sporchi.

COMMENTA

Tweets Recenti
  • S

    Tweeted on 04:10 AM Sep 25

Seguimi